18April2024

gerenzanoforum.it

La piazza di Gerenzano dal 2002

You are here: Home Storie Anno 1946 a Gerenzano Anno 1946, a Gerenzano - Industria

Anno 1946, a Gerenzano - Industria

Popolazione industriale: Un'attenta disamina dei dati forniti dal Censimento industriale, permette di definire interessanti deduzioni e confronti atti a porre in luce il posto preminentemente occupato dal Comune nel campo industriale.

Premetto che i dati relativi alla popolazione, sono desunti da statistiche effettuate alla fine dell'anno 1946 ma dovendo essi servire unicamente a stabilire dei confronti, non nuoce che lievissimamente il fatto che essi si discostino un poco da quelli attuali.

La percentuale della popolazione addetta all'industria nel comune è del 2,45%, mentre la popolazione addetta all'industria di tutta la provincia è del 33,37%. Un dato che può essere interessante rilevare, è il rapporto tra il numero degli addetti in confronto a quello degli esercizi che in Gerenzano è del 44 addetti di media su 48 esercizi. E' noto come tale dato sia fino ad un certo punto indice del prevalere o meno della grande industria.

Tavola statistica per l'industria e i suoi addetti

                                                               Esercizi                                  N. Addetti                         

Industrie connesse con l'agricoltura                 1                                            1
Industria legno ed affini                                 9                                           46
Industrie alimentari ed affini                          4                                            11
Industrie siderurgiche e metallurgiche            1                                              5
Industrie meccaniche                                   4                                              7
Lavorazione dei minerali                               3                                             85
Industrie delle costruzioni                             3                                             32
Industrie tessili                                            2                                          1878
Industrie del vestiario, arredamento
abbigliamento                                            14                                             35
Industrie per servizi igienici, sanitari,
e polizia urbana                                           4                                               8
Provvista e distribuzione di forza motrice,
luce, acqua, calore                                       1                                               3
Trasporti e comunicazioni                             2                                                8
                                                           -----------                                  -----------
Totale industria                                          48                                           2119

Principali industrie:  Una cronaca del 1888 riporta: - Gerenzano: comune essenzialmente rurale, si coltivano cereali e gelsi. La produzione del baco da seta è l'industria predominante. Ivi sono due fornaci per laterizi, un grande opificio per la filatura della seta con una forza motrice a vapore di 20 cavalli e 350 operai. Un opificio per la tessitura 67 a mano del cotone, con 50 operai. ­
Col passare degli anni si riscontra l'assenza dell'allevamento del filugello; e la trasformazione dello stabilimento di filatura in tessitura della seta, ora di proprietà DE ANGELI. La maestranza è composta da 1300 operai, 10 impiegati tecnici e 20 amministrativi. La produzione mensile si aggira sui metri 450 mila di tessuti: crespo in genere, di seta naturale o ryon.

N.I.V.E.A. Nuova industria Velluti ed Affini, opificio per la fabbricazione del velluto e felpe in cotone, lana, seta, rayon, ecc.. Vi sono addetti 550 operai, 6 impiegati tecnici, 12 amministrativi. La produzione mensile media è di metri 50.000. 

INDUSTRIA LATERIZI INVERNI La fornace occupa 140 operai, è fornita di macchinari moderni, ha un proprio acquedotto e terreno argilloso che ricava sul luogo. La produzione avviene a numero, la media mensile è di circa 700.000. Si producono: mattoni, tegole marsigliesi e ricurve, grossoni, forati, modellati, coppi, tavelloni e tavellette. Il trasporto dei prodotti avviene con mezzi propri e per conto di terzi. 

Il CALZATURIFICIO BURASCHI testé chiuso per il trasloco in altra sede dei proprietari impiegava 50 operaie circa con una produzione annua di 100.000 dozzine di calze da uomo e da donna di ogni tipo. La lavorazione avveniva su macchine circolari.

Da segnalarsi ancora: Una fabbrica di piastrelle, due molini elettrici, diverse sartorie, due cicli riparazioni, un'auto rimessa, due mobilifici, tre segherie e due maglifici casalinghi. Non privo di nota è la cava di ghiaia e sabbia situato lungo la strada Boarescia. Cava Porro.

Tutela del lavoratore A difesa del lavoratore, già nel 1895 veniva istituito in Gerenzano il "COLLEGIO DEI PROBIVIRI" per l'industria e il commercio aderenti alla Camera del Commercio di Milano. Parallelamente alla ripresa della produzione le ditte hanno provveduto ad estendere ed a intensificare sotto ogni aspetto l'assistenza ai lavoratori ed alle loro famiglie. Soprattutto nel campo dell'alimentazione e dell'assistenza sanitaria sono stati fatti notevoli progressi. furono istituite mense presso quasi tutti gli opifici e spacci aziendali. Il servizio sanitario segue ad assistere i lavoratori continuamente, dalla visita prima dell'assunzione che li deve dichiarare idonei al lavoro prescelto, sino alla tutela dell'igiene e della sicurezza sul lavoro, provvedendo al loro benessere fisico con l'eventuale prescrizione di cure e medicinali che vengono loro somministrati gratuitamente, con l'invio in luoghi climatici, colla degenza gratuita negli ospedali. L'assistenza non si limita ai lavoratori, si estende anche alle famiglie e particolarmente all'infanzia con l'invio gratuito dei figli alle colonie marine e montane.